Logico!


Il passato è passato. Il futuro è già domani.
Vivi al meglio il presente e sarai felice per sempre.

Annunci

Duemilaetredici… LA SVOLTA (pt.8)


Va tutto bene.

Non sogno più il passato. Sto meglio con me stesso. Continuo a correre e pompare. Corro tanto, non veloce, ma tanto. Mi diverto con gli amici e gli sconosciuti bevendo qualcosa ogni tanto… Tanto corro, tanto pompo. Il mio fisico, in penombra, sforzando gli occhi, pare si stia modellando un po’…

Va tutto bene.

Vendo le mie cose, ho dei progetti. Ho dei progetti nei progetti. Ed i progetti di una volta hanno ancora valore. Reggono. I sacrifici portano a risultati, sempre! Sia a livello fisico che economico. Il sacrificio è essenziale.

Va tutto bene.

Ho per caso incontrato quello che rappresentava il mio dolore, ho visto che sta bene, che poi io non ho mai augurato del male a nessuno… Però mi son fermato, ci ho parlato, e mi ero promesso che lo avrei fatto soltanto quando sarei stato bene. Mi son reso conto che sto bene.

Va tutto bene.

Quei sogni maledetti non li faccio più.

Mi sento vivo e son felice, perché è tutto merito mio. Sul serio, tutto merito mio.

Io che dicevo che tutto il dolore sarebbe finito una volta trovato qualcuno che mi avrebbe fatto battere il cuore all’impazzata. Nell’attesa, per culo o per istinto, ho imparato a conoscere me stesso.

Va tutto bene.

Quel qualcuno sono io.

Fa bene a me, e con sorpresa, farà bene a tutti voi.

02.40


Convive l’inconscio nel ricordo.
Chissà tu ogni giorno…
Col mio nome.
Con chi non è il mio.

Era amore.
Ora maledizione.

Non riesco a dormire.
Non voglio dormire.

Forse sei tu che mi pensi troppo forte.

Il passato è passato.
Di nuovo.

Non ci penso…
Ma ci penso.

Meglio sveglio!
Navigo nel paese
delle meraviglie.

C’è una sirena,
Tra le sirene.
L’unica…
Che non canta!

Torno a letto.
Felice.

Vuc’s

Esame di coscienza.


Ti serve una scossa… Coglione. Alzati in piedi e cammina, Lazzaro. Sei morto e non lo sai, lo sanno tutti. Sei bello come il sole e la luna che le da il cambio. Fai qualcosa cazzo. riprendi a correre, fai ginnastica! Esci di più, guadagna dei soldi, parla con la gente… Tutti hanno bisogno di ascoltarti! Cristo! Sei una delle poche persone che hanno qualcosa di sensato da dire.

Cammina! Cammina se piove, se nevica, se c’è il sole! Nuota se c’è il diluvio. Fregatene e fallo sempre a testa alta. Saluta tutti cazzo. Tutti. Qualsiasi mostro o scimmia abbiano sulle spalle, salutali e saluta anche lui. Mettiti gli occhiali da sole la mattina, che sembri un cadavere in decomposizione, cura i capelli e radi quei quattro peletti che c’hai in viso, attivati un po’ cazzo, che se ti spegni tu, qui si spengon tutti.

Tu non ti rendi conto che se stai incazzato o demoralizzato, lo diventano anche gli altri. Sei magnetico, sei magnifico, tutti vorrebbero essere come te, avere la tua storia, vivere la gioia dei risultati ottenuti, guardare negli occhi la gente, come fai tu, dopo tutto quello che hai passato. Lo stesso coraggio nel migliorarsi.

Sei un vincente e ancora non lo sai! Lo sanno tutti ma tu ti vedi come un perdente. Guardati allo specchio, pensa ora come eri prima… Pensa a cosa facevi, ai sogni che inseguivi… Ma tu inseguivi dei sogni? Hai inseguito un qualcosa che ha preso il volo senza di te, ma tu puoi ancora volare, più in alto se vuoi, ma non puoi stare fermo.

Sigilla quella cazzo di scatola celeste, infilaci dentro quel cuore spezzato e quella tazza dei baci perugina che usi ancora come portapenne. Sigilla quella cazzo di scatola ed imboscala nell’angolo più remoto della tua soffitta. Tra il tetto ed il pavimento, dietro la tua vecchia culla e quella che fu anche per i tuoi fratelli. Non buttare via niente però, che un giorno verrà il suo perchè.

Sei una grandissima testa di cazzo. La più bella, forte ed imponente testa di cazzo che il mondo abbia mai avuto. Salva te stesso, salva il tuo mondo, non fuggire e non arrenderti.

Non credere che andandotene via possa risolvere tutti i problemi che ti affliggono. Vuoi un lavoro migliore? Vuoi gente migliore? Un paese migliore? Una vita migliore? Tu sei uno di quelli che ha bisogno di star bene qui, prima di star bene ovunque. Tu vuoi il riscatto, vuoi il rispetto, prima però devi ottenere tutto ciò da te stesso. Scaricare il dolore subito dimagrendo, perchè è nel tuo grasso che si è accumulato. Lì risiede e ti ha avvilito giorno dopo giorno, guardantoti allo specchio.

Tu hai un problema, devi ancora finire di risolverlo.

La tua coscienza.

Piccoli effetti collaterali della vita da rocker / pseudo scrittore / finto poeta.


Oggi c’è stata la pioggia ed ho deciso di non uscire. Non che bagnarmi mi faccia paura, anzi… Ma volevo proprio approfittarne per prendermi cura di me, riposare e sistemare alcune vecchie cose… Tra queste, le foto di tutta una mia vita.

Ne ho passati di momenti felici io! Purtroppo il mio cervello è lento a ricordare, tiene tutto chiuso, credo, nell’ultimo piano del grattacielo dei ricordi. Ringrazio però la mia fissa per le foto, con una digitale del 2002 che i miei pagarono 400 euro e che non butterò mai via! Ora la fissa è andata scemando da quattro anni a questa parte, ma ci son sempre gli altri, Paola prima tra tutte, che non esitano a passarmele. Dovrei ricominciare a farle perchè ogni tanto sedersi qui e guardarle tutte fa bene al cuore.

Io faccio fatica a ricordare il mio passato cazzo! E ho solo 28 anni! Ne ho passati sì di momenti felici io, ma per colpa di quelli tristi… Che la miseria farei prima a contarmi i capelli… Insomma, è colpa di quelli tristi che il mio sistema nervoso prende e porta via tutto…

O forse… Semplicemente… Perchè ero sempre “in aria”…

Mi avete fregato un futuro, non me ne fregherete un altro!


Venerdì sono stato a vedere gli Shandon, un gruppo skacore italiano che che ha accompagnato gran parte della mia vita, specialmente con l’album “Fetish”, che io ritengo sia un album PERFETTO. Eran dieci anni che non li sentivo dal vivo, anche perchè hanno fatto una lunga pausa nel frattempo. C’era poca gente al Magnolia causa maltempo, ma ringraziando il cielo non ha piovuto durante l’esibizione, nonostante questo il gruppo non si è smentito e ha suonato divinamente.

Son tornato piccolo per una sera, un ragazzino spensierato, con lo sguardo sempre rivolto verso il futuro ma senza alcuna preoccupazione. Il mutuo, le tasse, il peso e l’amore. Che si fottano perchè io ho da realizzare i miei cazzutissimi sogni.

Sabato ci abbiamo dato dentro col basket, partite e partitelle cariche di agonismo ma povere di talento e qualità. Sudore e fatica per poi cenare al giapponese a Milano, con un rientro in paese anticipato causa maltempo. Peccato perchè mi sarebbe piaciuto fare un po’ il pirla alle Colonne di San Lorenzo…

La domenica ero stanco, ho quindi saltato la Red Bull Flugtag all’Idroscalo, preferendo una passeggiata serena sulle rive dell’Adda, anche se gli sbattimenti non si son fatti mancare… Ho buttato via un po’ di vestiti e ne ho comprati altri, sempre vestiti lowcost in quanto le mie taglie saranno ancora da diminuire.

Il lunedi è stato una rottura di coglioni. Dopo il lavoro, full immersion nelle scartoffie personali, il passato tra le mani, il nervoso, per di più un altro passato che scrive sms… Sto chiudendo diversi aspetti della mia vita, sto cercando il bastone adatto per far frenare questa ruota che gira in modo malato. E tutto questo, senza bere…

Shandon – Liquido – From YouTube

Ovunque guardi no,non posso più scappare
Ovunque inciampo no,non chiedermi perchè
Mi trovo a riderci oppure a bestemmiare
Questa ferita aperta continua a fare male ancora
Ogni minuto di realtà
Non c’è criterio né viltà
Quei pochi istanti di magia
Assuefazione ed agonia
Liquido spegnimi risolvi tutti i miei problemi
Liquido spegnimi sin quando il corpo mia si sveglierà
Non posso crederci che sia così istintivo
Necessità di avere ciò che mi aiuterà
Riprendo a scrivere ho ancora un po’ di me
Non sto a rifletterci mi lascio trasportare ancora
Liquido spegnimi a fine di questa giornata
Liquido spegnimi fai in modo che tutto scompaia
Liquido spegnimi riportami a sognare ancora
Liquido spegnimi sin quando il corpo mio si sveglierà