2014… E’ solo l’inizio! (pt.2 – Io merito di meglio.)


Non dico che siamo tutti depressi, ma questa crisi ci sta un po’ logorando, dentro tutti quanti noi sembra che manchi qualcosa, e non quel vuoto indefinibile di cui parlavo tempo fa, ma del coraggio e della fiducia in se stessi. Una volta vi erano i risultati dopo la fatica, ora risultati non ce ne sono, ci rimane solo addosso la sensazione che non abbiamo fatto abbastanza, che abbiamo sbagliato, che siamo noi quelli sbagliati.

Spesso mi sento di troppo, inutile. So fare una marea di cose e non sono mai stato ripagato in misura giusta per quello che ho fatto. Per di più ora non c’è nemmeno bisogno di me, non c’è più bisogno di nessuno ormai. Cerchiamo di arrangiarci o di chiedere favori. Il fai-da-te sta diventando un must, in quanto i soldi diminuiscono ed i prezzi dei servizi aumentano. Io sono il primo a farlo, e a subirlo.

La mattina è dura svegliarsi in questo paese… Mi pagheranno? Troverò un altro lavoro migliore? In cosa sto sbagliando? Forse davvero io non sono all’altezza e non mi merito niente.

No. Io sono all’altezza. Io sono un bravo professionista. Io sono un buon uomo. E se questo sistema non è in grado di ripagarmi per quel che davvero sono, lo dimostrerò con tutte le forze, a me stesso, chi davvero sono.

Nel mio piccolo cercherò di metterlo in culo a tutti quei ladri figli di puttana che ci hanno fatto arrivare a questo, non votandoli! Perché son loro che si meritano di svegliarsi la mattina coi complessi, non io! Son loro che si devono preoccupare di come pagare onestamente le rate del mutuo, non io, son loro che devono piangere tutte le sere perché non possono metter su famiglia, non io! Son loro che devono morire ogni giorno, non io.

Il primo che si lamenta e vengo a sapere che li ha votati ancora me lo mangio vivo. Io merito di meglio, non so voi…

Annunci

Questione di fiducia.


Amici cari,
avrete probabilmente pensato ad uno sciopero dei postini, oppure peggio ancora, che mi sia successo qualcosa di grave. Nessuna delle due, purtroppo i postini lavorano ancora e chi riceve le raccomandate ben lo sa! Per fortuna invece non mi è successo niente di grave e chi riceve i miei sorrisi non ha mai subito preoccupazioni

Ebbene si, non ho mai preso carta e penna da quindici giorni a questa parte. Spero perdonerete questa insolita assenza, ma era poca la voglia di sedermi ed iniziare a raccontare di lamentele e noie, ho preferito meditare ed agire.

Ho pensato in questi giorni a qualche possibile via d’uscita, i soldi non daranno la felicità, ma permettono di dare una certa stabilità nella mente di un uomo che ha tanti desideri… Ho quindi dedicato parte del mio tempo ad inviare curriculum vitae un po’ ovunque, a liberarmi del superfluo, al riposo fisico e mentale, all’amore e all’amor proprio. Tutto è stato necessario per respirare aria di fiducia, avevo bisogno di sicurezza e tranquillità.

Ho sempre avuto un legame affettivo ed economico per le cose, me ne sto liberando per accumulare denaro al fine di vivere delle esperienze, e non per accumulare. Bisogna un po’ arrangiarsi ed incominci sul serio a farlo quando ti ritrovi a non poter uscire a cena o non riuscire a fare il pieno di gas alla macchina, per arrivare all’inizio del mese con qualcosa in banca da farsi scalare per il mutuo. Per di più il telefono cellulare mi sta abbandonando e appena raggiungo un buon tesoretto me ne prendo uno carino, non uno di quelli che costano come un computer portatile, ma un telefono che mi permetta almeno di scrivere qui, ovunque mi trovi. Non l’ho mai fatto e la cosa mi incuriosisce. Deve essere bello poter condividere in tempo reale i pensieri e le immagini che stimolano il mio cuore.

Ricordate la mia ultima missiva? Lamentavo il discreto stato d’animo, di salute ed economico che turbava le mie giornate. Ho reagito, a modo mio, senza trovar dirette soluzioni, ma tenendomi attivo e forte per andare avanti. Ed ho fatto un gran bel bene! Perché lamentarsi è utile solo se ci serve per spronarci a trovar delle soluzioni e quando ci si tira su le maniche, qualcosa cambia… La fiducia non è scontata perché è importante e a quanto pare necessaria per far andar bene le cose. Il mondo e tutto il resto iniziano a girare nella direzione voluta, e da un giorno all’altro arrivano notizie che portano un po’ di stabilità. Gli stipendi arretrati sono ora un brutto ricordo ed i soldi della cassa integrazione dovrebbero arrivare entro Natale. Dall’anno prossimo riprenderò anche a lavorare in maniera regolare, anche se purtroppo solo mezza giornata, non sarà tutto oro quello che luccica, ma finché c’è quella stella che brilla alta nel cielo, giorno e notte, beh… Non mi viene altro che sorridere.

Niente più brufoli, forfora e notti insonni, a parte questa… Scrivo alle cinque del mattino per voi e perché mi sono addormentato presto, e certi bisogni fisiologici non mi han permesso di proseguire il dolce riposo, pensavo fosse solo bisogno d’orinare, invece avevo un assoluto bisogno di farmi sentire.

Certo che… Se ci fosse stata lei al mio fianco ora, non mi sarei messo a scrivere. Avrei probabilmente acceso una piccola luce e mi sarei addormentato guardandola. Che donna amici miei… Che donna… Avete presente quando guardate il cielo e sospirate a cuor leggero? Io provo questo al solo pensiero, che andrà tutto bene… Andrà tutto bene!

La mia sulle politiche di Febbraio 2013.


Oddio queste elezioni che ansia che han messo su un sacco di persone. Il più tranquillo son sempre io, che dato il mio voto, altro non potevo fare. Io ho vinto, io ho votato il M5S che seguo dalla nascita. Io valuto le idee ed i fatti. Quel che hanno fatto i partiti storici in tutti questi anni non lo condivido per niente, quel che ha fatto il M5S in pochi mesi in Sicilia e a Parma, più il loro programma elettorale, mi hanno convinto.
Poi voi fate quello che volete, se non andate a votare, non incazzatevi perchè il vostro parere non conta un cazzo. Poi potete annullare la scheda, potete votare a destra o a sinistra. Rispetto le vostre scelte. Non incazzatevi però con chi ha votato il M5S, offendendoli, perchè vi han rubato i voti. Addirittura perchè abbiamo creato questa INSTABILITA’ POLITICA SENZA PARI. Vi state sbagliando di grosso. Questa situazione è stata creata da chi ha governato fino ad oggi. Ovvero sempre i soliti. Ed è una verità indiscutibile. Se avete ancora fiducia in loro, siete liberi di farlo.

La verità è che fondamentalmente va tutto bene. (E certi ancora non lo sanno!)


Ne ho passate tante, nel mio piccolo, certo poco, rispetto a moltissima gente, ma dal nulla certe cose possono sempre far male. Ho affrontato nella vita diverse difficoltà, ho subìto il disprezzo, ho vissuto la solitudine, mi hanno spezzato il cuore, hanno abusato della mia fiducia. Ho visto gente disegnare la mia inesistente autostima per terra e giocarci a “Mondo” o a “Campana”. Ho visto scomparire dei parenti ed anche degli amici.

Mi sono perso nel cibo, nell’alcool e nel fumo. Mi stavano vicino, riempivano i miei vuoti, mi facevano sentire un altro.

Non ho però mai smesso di pensare e di mettermi in discussione. La merda mi ha sempre fatto paura, son sempre riuscito a non farmela arrivare fino al collo, anche se ogni tanto qualcuno in testa mi ci ha cagato e non poche volte.

Nonostante tutto ciò, che per molti di voi non è NIENTE, io son comunque quì a scrivere, son comunque fuori a parlare, ridere e scherzare. Son sempre alla ricerca della felicità, che secondo me, anche lei sta per venirmi incontro. Son dimagrito, son bello, son simpatico, son forte, non mollo, sorrido, ci do dentro con la ginnastica.

Bisogna essere un po’ salutisti nella vita, ma non del tutto, bisogna anche saper celebrare le feste, esagerando magari un pò col cibo e perchè no anche con l’alcool. Bisogna che si festeggi ogni tanto, che ci si lasci andare ai bei pensieri, ai desideri ottimisti ed abbracciare anche un po’ di belle ragazze.

Capiterà sicuramente che mi lamenterò di nuovo, non vi nascondo che ogni tanto son triste anche io, ma è così la vita, ci tiene allerta conquesti momenti un po’ del cazzo… Poi tocca a noi tirarci su. Bisogna esser motivati per farlo e non star lì a piangersi addosso.

Ho diversi amici che son persi nei loro vizi, addormentati, con pochi interessi, tante lamentele ma poca concretezza nelle azioni. Ripeto, ci vogliono le motivazioni. Il mio personal trainer è contento di come stanno andando le cose, dice che siamo avanti…

Io l’ho guardato in faccia e gli ho detto di guardarmi bene, che lui sin da oggi non l’aveva mica mai visto uno più motivato di me, in tutto. Lui nei momenti di difficoltà, soprattutto durante le flessioni, mi dice di pensare al futuro, di pensare a come sarò. Io in questo ho le idee chiare! Io sarò più bello, forte, carismatico, incorruttibile, sensibile, onesto e soprattutto divertente. Con una dea al mio fianco.

C’è che a volte non riesco mica a tirarmi su a far le flessioni, allora dato che anche il mio futuro, per quanto chiaro mi è, non funziona a darmi la forza, alzo la testa e immagino che di fronte a me ci sia una di quelle fighe che adesso come adesso mi vien voglia di slinguazzarmi amorevolmente/selvaggiamente. Dico che funziona! Questa estate per non fermarmi ed andare avanti a correre, immaginavo di inseguere un paio di ragazze nude, ma soprattutto bisex. Alla fine però comunque mi stancavo, allora mi sdraiavo in terra, facendo finta di averle atterrate con un balzo ed una zampata, stile leone contro gazzella, e star li ad accarezzargli i capelli e a raccontarle storie della mia vita…

Manifesto del benessere universale (bozza)


La situazione italiana attuale mi ha demoralizzato molto, i cambiamenti che tanto attendiamo non vengono mai realizzati a causa di una classe politica che da trentanni non concretizza nulla per il benessere ed il progresso dei cittadini.  Questa classe politica deve cambiare, ma prima di tutto la mentalità dei cittadini, e non solo di chi andrà a sostituirla. La mentalità che si respira in questo paese è intrisa di immoralità.
La costruzione di un paese migliore deve avvenire dal basso, dai cittadini che ne fanno parte, da noi. La speranza che ci ha accompagnato in questi anni ha bisogno di una buona dose di reazione da parte nostra per far si che non sia vana. Bello sì desiderare un paese migliore, ma bisogna anche costruirlo, passo dopo passo, con i nostri pensieri, con le nostre parole e con i nostri atteggiamenti. I cambiamenti non arrivano con le sole preghiere, partono da noi.

La sfiducia che ci accomuna, che respiriamo nell’aria, nasce dalla mancata risposta alla domanda “ma cosa possiamo fare, noi che non abbiamo potere governativo?” Noi possiamo cambiare la nostra mentalità, noi dobbiamo far conoscere a tutti il principio di onestà, dobbiamo applicarlo ed insegnarlo ai nostri figli, ci vuole un cambiamento generazionale negli atteggiamenti nei confronti della vita, per far si che tra trentanni a governare ci siano persone oneste e non più corrotti e raccomandati.

Ma allora noi cosa possiamo fare? Cambiamo e diffondiamo il cambiamento dal basso! Miei cari “indigeni sfiduciati”, amatevi, coltivate le vostre virtù, sognate e realizzate i vostri sogni, imparate a conoscere voi stessi, amate le piccole cose, ringraziate e rispettate la terra in cui vivete, le persone con cui vivete e i doni che vi vengono fatti. Dite sempre la verità, dite sempre quello che pensate, chiedete sempre cosa volete per voi e per gli altri, ricordatevi che una vostra esigenza può essere anche quella di altri. Pagate i servizi che vi vengono offerti, pagate le tasse, chiedete sempre le fatture e gli scontrini fiscali, non lavorate in nero, non assumete personale in nero, non datevi alla prostituzione, non rubate, fate la raccolta differenziata. Lasciate poi perdere il mondo della droga, non ha mai portato soluzioni a nessuno. Pagate il bollo, guidate solo da sani e rispettando il codice della strada, non guidate senza assicurazione. Viaggiate e onorate e rispettate chi vi sta ospitando. Prendete fiato ogni tanto e chiedetevi se siete nel giusto, se siete felici, mettetevi sempre in discussione perchè ci vuole poco a perdere la via che si vuole seguire. Emozionatevi e fatemi emozionare. Poi magari ci troveremo dei compagni, faremo o adotteremo dei bambini e potremo far vedere a loro quanto è bello questo paese e le persone che lo abitano.

P.S.: Ho sicuramente tralasciato qualcosa, potete aggiungerla nei commenti, costruiamolo insieme questo manifesto!

Sono pronto.


Sono pronto, non mi manca nemmeno il coraggio. Ho il vestito bello e pulito, una camicia profumata e il braccialetto della cresima, quello d’oro regalato dalla zia, ma quale zia? Non so, di certo non da quella che alla cresima mi regalò il fermacravatta d’oro, che sfoggio fiero sulla mia grande pancia. E i gemelli, dove li vogliamo mettere i gemelli? Ai polsi ovviamente, ma nessuno me li ha regalati quelli. Sono pronto ma fumo lo stesso una sigaretta, l’attesa vale la pretesa, forse ancor di più, perchè son questi i momenti che non scorderò mai, la gioia dell’attesa, le sue speranze.

Sono nell’ombra e fumo, non mi piace essere osservato, non mi piace stare alla luce quando attorno c’è l’oscurità, sarei preda e non vedrei i cacciatori. Sono pronto ma la musica non lo sa, continua imperterrita a vibrare nell’aria sulle mie frequenze preferite. Sono pronto è c’è la carica giusta, picchietto a terra le punte dei piedi a ritmo di jazz, con le scarpe nuove, beh nuove mica tanto, eran quelle di mio padre che abbiam fatto risistemare, chissà quanti chilometri hanno già percorso… E come son comode, lui me lo diceva sempre di usare le scarpe con un minimo di tacco, quelle sportive sempre slacciate non mi avrebbero portato da nessuna parte.

Sono pronto e solo io lo so, quel che pensano gli altri non è affar mio, che parlino, gridino e bisbiglino fra loro, quando verrà il momento, sarà lì che si vedranno quelli pronti e quelli che non lo sono. Le persone amano farsi grosse di fronte a probabili avvenimenti, appena però questi si manifestano, le reazioni si disallineano di fronte alle parole dette. Le parole… Tante le parole dette, ascoltate e lette, cariche di fiducia, d’amore, d’odio e rancore. Siamo parolieri e abbiamo sempre qualcosa da dire. Io sono pronto a dire e ad ascoltare.

Sono pronto anche a scrivere, con la stilografica d’oro, sempre regalata alla cresima da qualche parente ormai dimenticato. Sono pronto al sacrificio, alla fatica e alle rinunce. Sono pronto a prendere le mazzate, sono pronto alle sconfitte e sono pronto a perdere tutti i miei averi. La vita è sensazionale perchè fatta di sensazioni ed io sono pronto a viverle tutte. Non ho più paura. Sono qui sorridente ormai, bello e sorridente perchè è così che sono.

Il Vico che vedete è ancora meglio di quello che credete.

Via un peso…


road

Si, tolto un peso se ne fa un altro…

Aspettando il nuovo peso però, mi godo la vita e FANCULO tutto e tutti, è ora di sfogare tutta quella energia che mi si è accumulata in questo mese, stasera al PUB, domani in pizzeria e questo week, la sera, voglio strafare. Tutto questo non vuol dire che mi voglio STRAFARE, ma mi piacerebbe anche stare in mezzo a tanta gente, fuori dai coglioni, vederla divertirsi, ridere e scherzare…

Se notate, di me, da un mese a questa parte non ho scritto più nulla… E’ stato un momento difficile a livello sentimentale, familiare e di salute. Dicembre invece, sembra prendere proprio un’altra piega… Lunedì mi sono sfogato con un’amica, ho anche pianto, e non mi vergogno a dirlo, mi ha fatto sentir bene e mi sono liberato. Ieri invece ho ricevuto una buona notizia, salute e famiglia tutto OK, e non è poco… Ci sarà ancora un po’ da combattere, ma sono tutti STRAFIDUCIOSI con il sorriso in bocca, un sorriso sincero! Ed io mi sento leggero, libero, tutte le mie paure andranno a finire nel cesso.

Altre paure mi accompagneranno per un po’, la paura di amare e la paura di dare fiducia alla gente che mi circonda, purtroppo, c’è chi nella vita me l’ha fatta grossa… Spero comunque, un giorno, di trovare la persona giusta, che darà fuoco a queste paure con un semplice sguardo.

Ed è quindi giunta l’ora di alzare la testa e andare avanti, il cammino è lungo e duro, nel mio bivio ho scelto la strada in salita, perchè voglio stare in alto, fiero e beato…

…senza indossare la maschera della felicità, semplicemente con il mio sorriso sincero…

Immagine
Da Internet