Il pirla e la perla.


Quasi sessanta km in bicicletta a volte non bastano a levarsi il nervoso dalle gambe, figuriamoci al cervello… Ho una voglia matta di esplodere ultimamente, ma non con una sfuriata da manicomio, neppure come un temporale… Vorrei proprio liberare la bomba atomica che c’è in me. Quella che distruggerebbe il mondo intero. Invece sono proprio come l’albero di castagne che mi da ora riparo.

Riparo una sega… Ha appena scaricato una manciata di frutti che se me ne arrivava uno in testa, avrei scosso l’albero del cielo per tirar giù qualche madonna. Non sarebbe comunque bastato a far detonare l’esplosivo che c’è in me.

Non credo però sia questo il compito che ho nel mondo. Forse sono semplicemente un filtro. Come le cozze assorbo tutto per crescere nel mio guscio rilasciando il nulla. Mi piacerebbe però diventare una cozza buona, per lasciar un buon sapore a chi mi mangerà. Meglio che essere un lombrico. Quello scava mangiando terra e rilasciandola in forma molliccia, che a qualcosa pure servirà, ma a me fa un po’ schifo, e solo un topo o un uccello potrà gustare il suo sapore.

E ce ne sono già troppi di lombrichi in giro…

Perché invece non immaginarsi come un’ostrica? È quasi come una cozza, però un po’ più bella. Certo potrei non piacere a tutti, ma filtrando e filtrando, trasformerei le più grosse impurità in una magnifica perla. Questa si che verrebbe apprezzata dal resto del mondo… Perché no… Nei momenti in cui mi sentirò solo, affranto e immobile, costruirò una perla.

E poi… E poi dipende anche un po’ da voi… O ve la regalo, o ve la sparo dritto in fronte con la cerbottana.

Annunci

24 thoughts on “Il pirla e la perla.

  1. Opto per la cerbottana, così poi me la tengo.La perla, non la cerbottana.
    Le perle sono un miracolo della natura. Per alcuni anni sono state la mia vita, è incredibile la loro storia, dove la perfezione è una misteriosa rarità.

    Ma soprattutto ho scoperto che si dice vAc’s, non vUc’s. Non si finisce mai di imparare.

    • Qui urge qualche lezione privata, di buonsenso e utilizzo della fonda. Chissà che non scenda nella prossima ondata di cassa integrazione! Vedo bene la fionda per sparare nel mucchio!!!

Se hai qualcosa da dire al riguardo, questo è il momento giusto.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...