Duemilaetredici… LA SVOLTA (pt.11 – Nuove consapevolezze)


La cassa integrazione ha il sapore delle vittorie facili, come fare braccio di ferro con un bambino… Hai vinto, ma come?!? Non volevo lavorare, volevo farmi i cazzi miei guadagnando soldi, ma rimane sempre poco soddisfacente. La sveglia è sempre quella delle otto, il pensiero si fa sempre un po’ grigio. Prima lo dipingeva l’andare in ufficio, ora la stessa domanda, che mi accompagna da una vita: adesso che cazzo faccio? Rispondo pronto grazie al mio infallibile potere del mettersi in discussione…

Semplice coglione! Fai tutte quelle cose che non potevi fare perché chiuso in un cazzo di ufficio! Allora corro, allora pedalo, allora pompo i muscoli. Brucia il grasso, sostituiscilo con massa muscolare, mangia il giusto e vedrai che consumerai di più. Vedrai. Tutte regole fondamentali per il benessere fisico e mentale.

Sento e penso, cazzo quanto penso…

Mi trovo ad osservare il mondo per quello che è, con tutti i sensi che sono in grado di utilizzare. A volte mi piacerebbe anche assaggiarle certe cose, che siano le piante, la gomma della bicicletta o le ali di un cigno. Per non parlar poi delle persone, che abbraccio metaforicamente tutti i giorni, ma vorrei toccare ed assaggiare anche la loro essenza. Che facciano schifo o siano buone questo è relativo a quello che si sentono d’essere. Io ho la bocca e ho le mani per sentirmi completo. Le sole parole e i soli sguardi non riveleranno mai quel che siamo veramente.

Cosa siamo noi se non ci relazioniamo e non impariamo a conoscerci? Chi sono io, innanzitutto? Chi siete voi? Cosa siamo noi? Siamo frutti caduti su questa terra, in grado di muoverci e comunicare. Noi tutti abbiamo sapori e consistenze diverse, posso mostrarmi per quello che sono, potrei anche fingere, ma non posso essere quello che volete. Non voglio minimamente provarci più, perché è impossibile uccidere un essere per crearne un altro. Chiudere in gabbia la mia persona per addestrarla ad essere quello che non è!

Il mio pensiero rimane libero da tutte le imposizioni, culture, religioni, tradizioni e perché no, anche dalla morale. Le mie sensazioni e le mie emozioni rimarranno per sempre indiscutibili finché le vivrò al cento per cento. Purtroppo rimango consapevole che non sono ancora arrivato a questa percentuale, anche ciò fa parte della mia ombra, come tante altre cose di cui parlerò un giorno. Il mio famoso mostro, che conosco e combatto tutti i giorni, che giuro su me stesso che un giorno avrò la forza per aprire la gabbia ed abbracciarlo. Sono stanco di combattere, sono stanco di lasciarlo chiuso li, di non accettarlo.

Annunci

19 thoughts on “Duemilaetredici… LA SVOLTA (pt.11 – Nuove consapevolezze)

  1. Io e il mio mostro conviviamo in armonia da tempo ormai…Io so che c’è, lui ogni tanto cerca di provocarmi per sopraffarmi, ma non attacca.
    Il mostro, ahimé, segue la sensibilità…lui si nutre di quella, più ne abbiamo e più lui non ci molla…dobbiamo solo conoscerlo e trovare il giusto equilibrio per non permettergli di fare come gli pare.
    Un abbraccio

  2. Non farti prendere dallo sconforto, la mancanza di lavoro è un handicap che trancia le gambe. Tu corri, vivi, abbraccia, non ti fermare. Usa questo tempo per te e per aprire il mostro. Che poi mostro non è: sei tu e la tua sensibilità, il tuo cuore.
    DAI! 🙂

  3. Abbraccialo quel mostro, abbraccialo…scoprirai che è solo un bambino spaventato che si difende come può, abbraccialo e la prossima primavera assaggia le foglie di un faggio, quelle verde gioia appena sbocciate, hanno un gusto che non dimenticherai mai più…e poi vieni qui che ti abbraccio io, te e il mostro, e se vi assaggiassi so che avreste il sapore delle ali di cigno, un po’ bruciacchiate, ma sempre capaci di volare…

Se hai qualcosa da dire al riguardo, questo è il momento giusto.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...