Vivere mi ha salvato la vita.


Ho detto NO ad una serata devastante. Ho detto NO ad un compleanno ignorante (solitamente i migliori) che prevedeva pullmino e ballata sul Lago di Garda. Ho detto NO.

Qualcuno dice che sto invecchiando, probabilmente hanno anche un po’ ragione. Ma il mio NO deriva da una situazione mentale abbastanza delicata, e non dalla paura dei postumi alcoolici. Serate del genere mi riempiono sul momento, il giorno dopo invece mi svuotano, come lo sciacquone dell’Airbus A380. Tutto quello che prendo in una notte si smaterializza alla prima luce del giorno dopo. Azioni e parole impresse nelle fotografie, o a malapena nel ricordo degli altri. Voglio fare quello che voglio e dire quello che penso senza aver bisogno di sfondarmi di alcool.

Senza la giustificazione dell’alcool.

Perché se si è ubriachi, qualsiasi cosa si faccia può esser giustificata in maniera codarda e meschina. Da sani invece è tutta un’altra cosa. La gente non comprende quasi più i miei comportamenti, probabilmente non si fida neanche più di quello che penso, che poi dico. Spesso non vengo preso sul serio. Tengo dentro poco ormai. Lo butto fuori perché credo che tutto quello che c’è in me sia patrimonio dell’umanità. Merda compresa, perché come tutte le persone forti, anche io sono debole, perchè come tutte le persone intelligenti, anche io sono ignorante. Perchè come tutti i coraggiosi, anche io ho paura.

La mia paura principale è quella di buttare via il mio tempo, vivendo secondo gli schemi ed i canoni che tanto vanno di moda in questa società, nelle differenti fasce d’età. Non poter fare quello che voglio, proprio ora che inizio a capire che cosa voglio veramente.

Altolà! Con questo post non sto dicendo che smetterò di bere o che non mi ubriacherò più. Intendo dire che passerò sempre meno serate ignoranti e devastanti, ma di serate in cui si sta un po’ su di giri, con le persone giuste, ce ne saranno sempre di più, inoltre, mi lascerò sempre più andare nel quotidiano, come se fossi su di giri, senza dover per forza bere qualcosa. Poi, che io piaccia o non piaccia, non sarà un mio problema. Devo sentirmi vivo, altrimenti continuerei a morire giorno dopo giorno.

E mi son sentito vivo quando ho proposto un’orgia a due splendide ragazze, venerdì notte, senza aver bevuto nulla. Mi ha fatto sentir vivo il loro silenzioso ed imbarazzato “far finta di non aver sentito”. Mi ha fatto sentir vivo risvegliarmi due ore dopo col cazzo più duro della macchina che mi ha investito. Mi son sentito vivo il giorno dopo, a cucinare per tutta la mia famiglia. Mi son sentito vivo la sera a passeggiare con mia madre per la festa del paese. Mi son sentito vivo a guardare il documentario di Bruce Lee la domenica pomeriggio, mentre erano tutti in piscina o al mare. Mi son sentito vivo, subito dopo, a desiderare di raggiungere un vicino capoluogo di provincia in bicicletta, e di realizzarlo. Mi son sentito vivo al ritorno, con le gambe che non rispondevano più, fermandomi a fare stretching. Mi son sentito vivo stanotte, svegliandomi sudatissimo, ancora vestito, dopo aver detto, a cena, “mi sdraio due minuti e poi esco”.

Annunci

65 thoughts on “Vivere mi ha salvato la vita.

  1. Ti capisco benissimo anche io ho detto di NO a un bel po’ di cose che non mi andavano più bene …tranne all’alcool e la fum*** ogni tanto 😉
    bel post!

  2. Io ho detto NO a ValSoia 😀
    Comunque anche il sottoscritto ha ridotto, e di molto, il suo lato più cazzaro… è strano, pensavo mi mancasse molto di più, ma non è così… ho finito per mettere il cuore in pace.

  3. spesso quello ‘stai invecchiando’ cela un sentimento che non voglio definire qui con un nome, ma che comunque fa sentire chi lo riceve inadeguato e magari anche in colpa. Dal mio modesto punto di vista è solo sinonimo di cambiamento, di esigenze differenti, di sentirsi bene con cose semplici come hai raccontato tu, senza tradire se stessi 🙂

  4. Mi fai paura, in senso buono intendo, il percorso che stai facendo mi è molto familiare e a mio modesto parere vai alla grande! te lo dice una neo-astemia sballata di vita H24 😉

  5. ” (…) E mi son sentito vivo quando ho proposto un’orgia a due splendide ragazze, venerdì notte, senza aver bevuto nulla. Mi ha fatto sentir vivo il loro silenzioso ed imbarazzato “far finta di non aver sentito” (…) ”
    Non era silenzio forzato, vero? Erano ancora vive? 😀

  6. Vuc’s, cristo, più leggo questo post e più mi convinco che potresti diventare il mio nuovo mito! Inventati una religione, cazzo!

    Ahahahahaha!

  7. io non riesco proprio a capirti visto che sono astemia. però da quello che scrivi penso proprio che non mi sto proprio perdendo niente che possa interessarmi, mentre come scrivi, è molto piacevole invero

    saludosss

    • Molte grazie mia nuova ospite. Sei astemia al 100%? Cosa si prova? Mi sto perdendo qualcosa anche io 😉

      Grazie per i complimenti, verrò presto a trovarti.

      Ciao!

      • cosa provo? non saprei, sto benone, non so dirti se sarei stata benone anche bevendo…forse limitatamente sì, .poi ho detto una bugia non volendo, qualche bicchiere di ottimo vin o bianco pasteggiando lo bevo…he he
        grazie della visita
        ora vado in ferie ma quando torno ci sentiamo, neh?

  8. In fondo vivere è essere “normali” e soddisfatti di esserlo. E ho detto “normali”, non omologati, secondo il principio per cui la normalità è l’autenticità propria di ognuno di noi.
    Che ne so, se mi sento serena e spontanea quando mi slinguazzo la tazzina del caffè (ovunque io sia) perché “lo zucchero caramellato sul fondo è la parte migliore”, non vedo perché non dovrei farlo.
    Vivere è essere se stessi, se no si chiama recitare, e a quel punto che gusto c’è?!

    • Estatto! Perdona se rispondo solo ora. Lo faccio con una citazione importante.

      “L’inferno è vivere da vero re
      Senz’essere stati ma sè stessi
      Ma niente lacera di più
      Niente può far male di più
      Non più di essere me stesso” (Afterhours.)

  9. Non e’ invecchiare e’ riscoprire se stessi accertarsi indipendente da ciò che pensano gli altri
    fregarsene di quello che gli ALTRi fanno in e out
    E iniziare a dire Chi se ne fregaaaa che la vita e’ già bella cosi
    Come un giro in bici di notte in campagna senza fanali 😉

Se hai qualcosa da dire al riguardo, questo è il momento giusto.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...