…pecchè me sento ‘n’ friccico ner core…


Leggo un post dell’amica Glory11, a sua volta ispirata da una certa Ninfa (che prima o poi andrò a leggermi) che mi fa venire i lucciconi agli occhi. Finalmente c’è gente che incomincia ad apprezzare le piccole cose, e che addirittura se le mette “nero su bianco” per non rischiare di dimenticarsele per sempre. Hanno intrapreso la strada giusta verso la felicità, vorrei che tutte le persone che mi circondano facessero così.

Sono queste le cose che mi fanno andare avanti.

Voglio che i miei lettori vadano a leggersi il “Zibaldino” della mia amica Glory11 ogni settimana, voglio che si rendano conto che quello che hanno intorno non è sola merda! L’amica Gloria, se proseguirà nel suo progetto, si renderà conto poi che in una settimana ne succedono una marea di cose belle…

Settimana scorsa, andando in bicicletta, facevo scorrere le mie mani su tutte le piante che incrociavo, toccavo la natura, ne apprezzavo il rumore, la freschezza e il colore intenso.
Sono vive, senza che vadano da nessuna parte, gli serve solo acqua e sole.A voi invece, di questi tempi, non bastano nemmeno più la salute ed un paio di scarpe nuove. Tutti preoccupati e incazzati per chissà che cosa… Arrivati a questo punto, voglio che ascoltate con il cuore questa canzone!

Nino Manfredi – Tanto pe’ cantà – From YouTube

E’ una canzone senza titolo,
tanto ‘pe cantà, ‘pe fà qualche cosa,
nun è “gnente de straordinario,
è roba del paese nostro
che se pò cantà pure senza voce …
basta ‘a salute,
quanno c’è ‘a salute c’è tutto,
basta ‘a salute e un par de scarpe nove,
che poi girà tutto ‘er monno
che m’accompagno da me !

‘Pe fà la vita meno amara,
me sò comprato ‘sta chitara,
e quanno er sole scenne e more
me sento ‘n’core cantatore,
la voce è poca ma intonata,
nun serve a fà ‘na serenata,
ma serve solo ‘a fà in maniera,
de farme ‘nsonno a primma sera.

Tanto ‘pe cantà
pecchè me sento ‘n’ friccico ner core,
tanto ‘pe sognà
perchè ner petto me ce naschi ‘n’ fiore,
fiore de lillà
che m’ariporti verso er primo amore
che sospirava alle canzoni mie
e m’arintontoniva de bucie.

Canzoni belle e appassionate,
che Roma mia m’aricordate,
cantate solo ‘pe dispetto
ma ‘cò ‘na smania dentro ar petto,
io nun ve canto a voce piena
ma tutta l’anima è serena,
e quanno er cielo se scolora
de me nessuna se innamora.

Tanto ‘pe cantà
pecchè me sento ‘n’ friccico ner core,
tanto ‘pe sognà
perchè ner petto me ce naschi ‘n’ fiore,
fiore de lillà
che m’ariporti verso er primo amore
che sospirava alle canzoni mie
e m’arintontoniva de bucie.

Annunci

4 thoughts on “…pecchè me sento ‘n’ friccico ner core…

  1. Grazie mille delle belle parole.
    Anticipo già che hai ragione. Questi primi tre giorni della settimana sono riusciti a farmi vivere un paio di occasioni degne di non essere dimenticate! Basta solo fermarsi a pensare 🙂

  2. Questa song trasuda tutto “il senso della vita” che in molti hanno perso strada facendo e che altri non l’hanno proprio mai conosciuto 🙂

Se hai qualcosa da dire al riguardo, questo è il momento giusto.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...