Piango e vomito…


Tre bicchieri del vino del Coreano, qualche sorsata a collo dalla bottiglia di Martini, quattro Montenegro con ghiaccio, mezza bottiglia di Montenegro con ghiaccio, due bicchieri di vino bianco ed una piadina con porchetta, scamorza e pomodori, ne vedo e ne sento di ogni… e poi a letto…
Mi sveglio a casa mia, alzo lo sguardo e mi vedo in boxer riflesso sullo specchio dell’armadio, uno spettacolo imbarazzante. Solo con me stesso sento che la testa pulsa, la gola è secca, devo bere, mi alzo, e sono ancora ubriaco. Rido per non piangere e mi attacco a collo alla bottiglia d’acqua, ma sto esagerando, faccio sorsi troppo esosi, così stimolo il vomito, meglio smettere. Torno a letto, non posso andare dai miei in questo stato, devo riprendermi, e dalle nove a mezzogiorno continuo a rigirarmi nel letto sperando di dormire, ma troppi pensieri mi assalgono in quanto non c’è nessuno al mio fianco, che mi coccoli, che mi accudisca, che mi prepari un thè verde caldo, che mi accarezzi i capelli, che mi dica buongiorno…
Basta pensare, bisogna reagire, anche se non sto ancora bene torno a casa mia. Mangio un piatto di pasta con i miei, ho tanta fame e voglio mangiare tanto per resettare il mio povero stomaco. Mentre mastico creo pensieri a ritmo di mandibola, penso alla gente di ieri, alle frasi dette e alle notizie ricevute. Alzo lo sguardo e c’è la magnum di vino del Coreano, la pasta nello stomaco incomincia a farsi più pesante, nel piatto ce n’è ancora, non mi va più, il mio corpo non la vuole, ma io insisto ed inghiotto. Tra i pensieri che mi assalgono compaiono un sorriso ed un bicchiere di Montenegro. Salgo con calma al piano superiore e mi dirigo verso il bagno, i pensieri brutti attraversano il cervello e tramite gli occhi si trasformano in lacrime, i pensieri belli salgono dallo stomaco ed incomincio a vomitare. Piango e vomito. Tutto diventa buio, i pensieri belli spariscono, sovrastati dal vomito e dalle lacrime, pulisco tutto, mi lavo e torno a tavola. Nessuno si accorge di niente, e mai possibile? Nessuna della mia famiglia si rende conto che sto male, sono talmente introverso dal vivo che non si capisce cosa mi passa per la testa. Mangio il coniglio e l’insalata continuando a fingere di stare bene, sento ancora la nausea, mi alzo in maniera definitiva fingendo un mal di pancia e salgo in camera mia. Accendo il pc ed incomincio a scrivere le prime frasi, chatto con Mino e la EX, mi confido, ed incomincio a piangere… accendo la musica ad alto volume per coprire i singhiozzi. Non ne posso più di tutto quanto, non ho le forze per poter andare avanti, ho diversi amici, conosco tanta gente e pure mi sento solo come un cane. Ora scrivo i tag, prendo un Aulin e cerco di dormire un pochino, in modo che passi il mal di testa. Appena mi sveglierò indosserò la maschera della felicità e chiamerò qualcuno per fare un giro.

…preferisco morire che dimenticare…

Annunci

13 thoughts on “Piango e vomito…

  1. Noooo non voglio pensare che tu stia cosi male. E’ il post piu malinconico della storia del tuo blog e mi auguro di cuore che rimanga tale! L alcool fa brutti scherzi fa uscire pensieri che spesso reprimiamo in noi stessi
    Beppe si rattrista

  2. Mamma che tristezza…non posso credere che un ragazzo come te sia attanagliato da pensieri cosi avvilenti!
    Poi scusami..ma come hai fatto a mangiare, dopo aver sboccato due secondi prima?? 🙂

  3. Quello che stai vivendo sono le tipiche angoscie di una persona che è in cerca di un amore, ma sente di non avere le capacità o la fortuna per trovarlo. Con una donna al tuo fianco che ti ama, l’indifferenza dei tuoi si trasformerebbe nel vantaggio di non dover spiegare una serata balorda.

    Non giudicare male la tua famiglia però, perché sono convinto che se ti fermi bene ad osservare ti accorgerai che anche loro hanno (o hanno avuto) momenti difficili che magari non hai nemmeno capito. Inoltre è necessario offrire l’occasione per essere aiutato. Le intese in cui uno sguardo basta più di mille parole sono tipiche di un film, ma nella realtà è tutto molto più complicato. Le persone che ti vogliono bene possono anche non accorgersi di quando tu stia male.

    La solitudine che senti riguarda quella sfera sentimentale di un uomo che non può essere riempita da 1000 amici, anche i più veri, ma solo da una ragazza che a sua volta ha bisogno di te. Sono convinto che se ti guardi in giro troverai quella donna che ti rimette apposto la vita. Goditi questi momenti da single con serenità e con la convinzione che non sono per sempre.

  4. Veramente una giornata di merda, una delle peggiori passate nella mia vita. Credo che l’ombra e la malinconia mi accompagneranno per sempre, anche se troverò l’amore. Grazie di tutto! VAilo sei prezioso!

  5. Pingback: Frasi assurde su Google. #3 « VicozzaRecords

  6. A questo tuo post rispondo con questa mia poesia:

    SPAZIO SCONOSCIUTO

    Non conosco l’origine del mio dolore
    è qualcosa che prende
    che prende e va dentro sempre più dentro,
    sempre più a fondo nella mente, nelle viscere
    perché sei lontano
    perché ancora non torni
    e mai tornerai

    E’ solo un’ossessione
    non un sogno da realizzare,
    è solo un’illusione
    non un pensiero da ipotizzare

    Non c’è niente qua di sano
    sporcata di questa pece
    non so quale muro ancora
    andare ad imbrattare
    quale destino ancora
    da negare

    Non sono giorni questi
    che avevo creduto tali
    non quelle speranze
    che forti dentro sentivo naturali

    Arrotolarmi nella mia veste
    sporca e sudicia
    e infruttuosa e sterile
    e algida e inanimata,
    non questa credenza mi era stata data

    Ma con questo devo fare i conti
    rapporti contorti di intrugli, magie e artefici
    realtà e verità mie e altrui,
    qua sola nella mia culla vuota

    Su questi sassi
    passano ora i mie passi
    su questi massi
    provo ad arrampicarmi
    per non cedere alla tentazione
    del vuoto e della nullità

    Ma cado, scivolo franando
    e la roccia penetra le scaglie nella pelle
    e giù più a fondo
    trapassa la durezza della mia corazza
    ancora troppo fiacca
    e arriva a gocciolare il sangue
    che trasuda, sgorga
    come fonte di vita e più di dolore

    Accatastata sotto le macerie
    ho solo due possibilità:
    arrendermi e lasciare correre lento il tempo
    che mi finirà
    o riprendere ancora le forze eterne
    e rialzarmi e riassettarmi
    per un altro colpo, per un’altra asperità

    Ma sono stanca
    e aspetto allora che il tempo
    faccia il suo componimento
    e lo esorto in fretta perché
    ogni goccia di pioggia che cadrà
    mi nutrirà e mi fortificherà
    e lui allora non mi potrà più annullare
    così come nulla è l’ora scorsa
    che passata e previa già non è più scorta
    dalle lancette di quel quadrante
    e caduta e decaduta si è persa in un solo istante
    nell’attimo in cui il tempo ha segnato il nuovo minuto
    frammento di uno spazio sconosciuto

    Sono d’accordo con te, indipendentemente dall’amore gli animi romantici saranno sempre accompagnati dalla malinconia ….e il buio servirà per scorgere la luce al suo interno.
    Bisogna fare fruttare tale sensibilità …io sono come Beppe, ti sostengo e ti sprono a scrivere ….dalle tue parole emerge qualcosa di particolare, c’è un’atmosfera che credo sia tua peculiare ….non vorrei illuderti e non sono del ramo, ma tra le righe riesci a comunicare qualcosa di molto bello …cerca di coltivarlo e farlo fruttare al meglio ….non solo sul blog!
    Saluti!

    Chiara Inesia

  7. Carissima Chiara, rileggendo il mio post e la tua poesia mi viene quasi da piangere. Ho rivissuto il dolore provato quel giorno, e anche tu, con i tuoi versi, mi hai fatto rivivere certe sensazioni. Ti ringrazio per i complimenti, e concordo sul fatto che il buio che mi accompagna serve per farmi apprezzare la luce che mi circonda. Grazie di cuore. Cercherò di far fruttare la mia sensibilità prima nella vita e poi nel blog. Ciao, a breve elggerò anche il tuo blog. A presto.

  8. ma troppi pensieri mi assalgono

    Caro mio, se vuoi ubriacarti devi farlo per bene.. E vedrai che quando l’hai fatto per bene non hai pensieri per la testa, sarà il vuoto, il vuoto più totale, quando riuscirai a dimenticarti cos’è successo quando ti sei ubriacato, allora si che ti sarai ubriacato veramente. Bere per metà non serve a niente, troppi pensieri troppa autocommiserazione. Ubriacati seriemente e dimentica tutto! Non preoccuparti della gente comune che giudica, quella giudicherà sempre e non s’impegnerà mai per capire il motivo per cui sei ubriaco..

  9. Caro white-rabbit… sono consigli un po’ pesanti… 😀

    Comunque non preoccuparti, li il problema non era il livello di alcool ma la notizia ricevuta in serata…

    Ho riletto il post e da allora ti assicuro non ho passato più giornate del genere…

  10. Esatto Oggi Il Vuc’s è un ragazzo tutto nuovo. Il fiore all’occhiello di una società italiana sempre in evoluzione. Il Vuc’s ora mai fa parte della craem craem dell’elitè.

  11. Il mio commento è scaturito quando ho letto che eri ubriaco ed hai iniziato a pensare. Li ho iniziato a pensare che forse non eri veramente ubriaco.. (-; Beviamoci su.. 🙂

Se hai qualcosa da dire al riguardo, questo è il momento giusto.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...