Chi viene con me? Il dove non ha importanza…


Ho bisogno di fare un viaggio interminabile, lunghissimo, con meta da definirsi, anche quando si penserà di essere arrivati. Un viaggio destinato a portare cambiamenti profondi, sia fisici che mentali, un viaggio in grado di ribaltare il meccanismo di autolesionismo che ognuno di noi si infligge in qualsiasi piccola cosa che fa. Vorrei percorrere vie sconosciute, attraversare luoghi incontaminati senza tralasciare i paesaggi corrotti, vedere le cose belle e le cose brutte, per poter continuare a sperare e a sognare.
In un viaggio non cerco la destinazione, cerco tutte quelle sensazioni che mi precipitano addosso mentre percorro il mio percorso. Il mezzo di trasporto è insignificante, l’importante è che io non sia alla guida, ma vicino ad un finestrino, in modo che non solo la mia mente valichi gli orizzonti, ma anche il mio sguardo. Comodo su un sedile di un auto, un aereo, una nave o meglio ancora un treno, sogno e spero che la vita diventi più facile, immaginandomi correre nei paesaggi alla velocità del mezzo di trasporto, saltando o distruggendo con una semplicità estrema tutti gli ostacoli che mi si presentano. In questo viaggio non potrà mancare la musica, la dea ispiratrice delle belle cose, che mi darà conforto e rafforzerà il potere dell’immaginazione, per placare la mia inquietudine e la mia irrequietezza.

Ho gli orari e tutte le fermate del Galaxy… ma sulla terra non passa…


Galaxy Express 999

Annunci

11 thoughts on “Chi viene con me? Il dove non ha importanza…

  1. Io ci sto Vuc’s. Uno tra i miei sogni più grandi è quello di riuscire a fare un viaggio nel mondo. Non un viaggio da turista, che si ferma soltanto nei monumenti principali, scatta qualche foto e al massimo porta a casa qualche souvenir. Voglio un viaggio in cui dal paese che si visita si portano a casa modi di pensare, stili di vita, odori e sapori di ogni cultura. Io penso che il Galaxy passi anche dalla terra, ma forse non troviamo il coraggio per salirci.

  2. OT: Mi piace quando finisci il post con una frase che lasci in sospeso (vedi questo post e il post di Allen), è come una sigaretta dopo un buon caffè …

  3. L’idea mi piace.. Ma quanto ci viene a costare?
    Dici che non vuoi guidare, io nn ho la patente, ci serve un terzo per andare..

  4. Sull’oriente express ci accoppano la gente,poi viena Agata e comincia a interrogare a rompere, curiosare… mei lasa pert!
    X l’autista trenk,guido io, voglio guidare ogni cosa!
    X adesso son fermo a cars, motorello, camioncino, quad, moto 50, go-kart, trattore, pedalò!

    Beppe the driven

  5. Io, con Albért, avevo pensato all’idea di un pulmino. Provate a pensare a 10 persone con cui dividere la spesa di un vecchio pulmino usato. Qualcosa di simile al più piccolo pulmino delle scuole medie. Si potrebbe portare in giro un sacco di persone e fare a turni su chi deve rimanere sobrio e guidare. Già con 10 persone, tra un turno di guida e l’altro, ci stanno la bellezza di 9 sere di sbrago (1 serve anche per smaltire …). I problemi principali però riguardano la patente, probabilmente non basta la B, e come mettere d’accordo tutti …

  6. Annina Giovedì parto per Amsterdam e torno Domenica… per il prossimo viaggio ci sentiamo, continua a seguire il blog… che tipo di viaggio faresti?

  7. Pingback: Il treno delle 18.00 | VicozzaRecords

Se hai qualcosa da dire al riguardo, questo è il momento giusto.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...